31 lug 2013

Come liberarsi di Berlusconi, ho fatto una ricerca su google...

Come liberarsi di Berlusconi, ho fatto una ricerca su google, ma niente, ho cercato su wikipedia e nulla anche lì, ho trovato solo un'immagine ma non dicono come fare per staccarselo...idee?

La mia sinistra e i Franceschi

"La sinistra è un arco cangiante che va dall'idolatria per le piste ciclabili a un sindacalismo vecchio stampo" Oggi la sinistra "si commuove per lo slow food e poi magari, en passant, strizza l'occhio ai No Tav per provare a fare scouting tra i grillini. Tutto questo non è facile da capire, almeno per me". "Salvo solo Papa Francesco"(F. De Gregosri) e, aggiungo io, altri due franceschi: De Gregori e Guccini gli unici due che si possano chiamare intellettuali a sinistra. Delle pippe di Barca non me ne fotte un cazzo, tante parole difficili per nascondere il vuoto reale. Il resto non c'è. Voterò, se mi lasceranno, per Renzi anche se non mi convince, ma certo che posso altro fare? Più saggio starsene a casa e non votare più? Forse sì, ma è contro la mia natura.

http://www.corriere.it/politica/13_luglio_31/de-gregori-non-voto-piu-cazzullo_ae273fd8-f9a2-11e2-b6e7-d24d1d92eac2.shtml

30 lug 2013

Se salvano o se non salvano il cavaliere

A breve sapremo se Berlusconi verrà interdetto o in qualche modo salvato. Ho un po' di angoscia che se lo salvano vuol dire che il paese e le sue strutture son corrotte e deboli come chi dovrebbero giudicare (io penso che così sia). Se invece lo condannano temo che il paese non reggerà, non reggerà la politica, non reggerà il PD e andremo ad elezioni in un clima inedito con un PDL pienamente eversivo ed un PD imbelle e confuso. Quando finirà questo drammatico declino dell'uomo Silvio Berlusconi e di un paese che si è a lui legato?

27 lug 2013

Il piccolo chimico

Ovvero il PD. Ora si alambicca per poter far perdere il più forte. Perchè a rigore se ci votiamo solo tra noi compagnucci della parrocchietta possiamo ancora vincere per poter ancora perdere. In fondo siamo riusciti a perdere le elezioni dopo un ventennio berlusconiano disastroso e se magari cambiamo la formula potremmo rischiare di vincere. Allora il più forte non gioca, perchè il pallone l'abbiamo portato da noi casa. E allora se il nipote dello zio, se franceschini e nonno bersani e l'ex socialista cgil epifani, facciamo torello magari riusciamo ancora a vincere per poter poi ancora perdere.

25 lug 2013

Il commento del Ludovico Van

Il mio identikit politco....

.

Repubblica monodemoratica

Non intendo il noto quotidiano, ma l'Italia che sembra essere una democrazia con un governo senza alternative. Che sia vero o meno l'impossibilità di una maggioranza diversa il dato non cambia.

24 lug 2013

L'ipocrisia del calcio

Il campionato deve ancora cominciare, siamo a livello di amichevoli, tornei della parrocchietta, e già i soliti discorsi e le solite oscenità. Ieri un giocatore del Milan ha lasciato il campo sommerso da insulti razzisti, ma l'arbitro non li ha sentiti, non ha sospeso la partita, ed oggi si sprecano commenti "Episodio spiacevole, censurabile, non dovrà più accadere". Pochi giorni fa alla festa ufficiale dell'Atalanta e dei suoi tifosi addirittura un carrarmato della seconda guerra mondiale è stato usato per schiacciare due automobili che simboleggiavano i nemici del Brescia e della Roma...e il tutto è avvenuto dinanzi a migliaia di persone plaudenti, ripreso e proposto e riririrproposto da tutte le tv e giornali. Capisco che il calcio debba essere usato come panem et circensem per i fessi e che sia un grande affare, ma non si può nascondere la criminalità ed accettare di tutto e di più perchè i reati avvengono all'interno di uno stadio o all'interno di un "contesto sportivo". Senza contare la maggiroanza silenziosa che piano piano viene allontanata dagli eventi sportivi. Se sei onesto nessun diritto, se sei un delinquente tutti gli onori e rischi pochi o zero, ogni tanto si becca una mela marcia che funge da capro espiatorio e la cosa finisce lì. D'altra parte s'è presa la strada e si mantiene la strada dell'ipocrisia a tutti i livelli ed allora è un problema per tutti far pulizia, si comincia con i compromessi e poi non se ne esce più. A quando una bella indagine sul doping nel mondo del calcio? Guardate se vi capita una partita anni 80 o anche 90 (possibilmente senza addormentarvi data la lentezza dei giocatori rispetto ad oggi) e guardate una qualsiasi partita odierna, vedrete che c'è qualcosa che non va...e senz'altro qualcosa non andava già 20 anni fa.

Le auto di Marchionne

Dopo che la Consulta sul caso Fiom ha spiegato che Fiat ha limitato la libertà sindacale, Marchionne minaccia di spostare Fiat in Olanda. Di cosa ne pensino gli olandesi non so, ma sembra evidente che Leggi nazionali in un contesto globalizzato o almeno europeo non siano più efficaci. Come nel caso del contrasto alla criminalità internazionale è stata isituuita a suo tempo l'Interpol, qualcosa di analogo dovrà essere pensato per tutelare i diritti dei singoli e sindacali a livello continentale e non dover cedere a ricatti e ritorsioni. Mi sembra ci si illuda di combattere ancora con arco e frecce eserciti che hanno armi automatiche e un arsenale atomico.

22 lug 2013

Grandi amori

Nessun commento, mi commuovo. (link)

21 lug 2013

Angelino e i suoi fratelli

Giustamente dopo la bella figura internazionale dell'Angelino, per non dire altro, il PDL reclama qualche ministro in più nel Governo. Mi sembra giusto, hanno tanta gente di qualità, onesta, preparata, pulita.

19 lug 2013

Un utile idiota

Angelino, il nosro ministro dell'Interno sembra sia innocente e non sapesse.
Ebbene se così fosse gli han fatto fare la figura dell'utile idiota.
Dimettersi si dimetterà lo stesso, ma gli han bruciato la carrierina che disciplinato e mansueto aveva fatto.
RIP.

16 lug 2013

Una beata fava

In principio fu SkyHola che gli avevano pagato la casa, ma a sua insaputa.
Ora tocca ad Alfano non sapere che il Ministero dell'Interno rapisce e consegna clandestinamente al dittatore kazako la moglie e la figlia del suo oppositore.
Impagabili questi ministri pidiellini che non sanno mai una beata fava.

15 lug 2013

Il nulla cerca un'identità

Lega e nazi vari alla ricerca di un'identità. Essendo il nulla, hanno un'identità nulla e quindi la cercano nel razzismo, nell'odio contro il diverso. Che triste non aver argomenti e cercare sostanza in un totem di un nemico che necessariamente deve essere debole, ben riconoscibile come diverso in modo che anche il più testa di legno degli adepti, che percepisca non più in là di una differenza cromatica, possa individuarlo.
La Lega questo è, il nulla e la parentesi in giacca e cravatta di Maroni e Tosi è già finita.
La Kyenge è il loro catalizzatore, è nera di pelle, ha un cognome che anche ai loro orecchi suona diverso da Brambilla e la possono individuare con una certa facilità.
Forza Nuova e nazisteria varia anche loro stanno cercando di darsi una ragione secondo le loro capacità: io bianco, tu nero, tu nemico. Teste di legno e per di più vuote, animali, carne da macello per i loro capi impotenti, sessuofobi, ignoranti, che esistono solo nell'odio, la loro unica sostanza.
Per gioco provate a togliere al nazi o al leghista l'odio per gli altri, l'ignoranza profonda, l'amore per la sudditanza e poi provate ad osservare che rimane.

Firma per le dimissioni di Calderoli

Le battute di Calderoli contro la ministra Kyenge (“sembra un orango”) sono la spia di una sub cultura razzista per troppo tempo accettata o derubricata a “eccessi verbali”. Nelle sue parole, come sempre, traspare l’odio per la ministra Kyenge, che ha il doppio torto di essere donna e di non avere la pelle bianca. Questa spirale va ora stroncata. Ci auguriamo che già alla prossima seduta del Senato sia posta la richiesta di far dimettere questo signore, quantomeno dalla carica di vicepresidente del Senato e che siano disertate le sedute da lui eventualmente presiedute.


FIRMA


Per raggiungere questo obiettivo abbiamo deciso di avviare una raccolta di firme sul sito Change.org per chiedere le dimissioni di Calderoli, vice presidente del Senato ed invieremo al presidente Grasso le firme già raccolte per chiedere al Parlamento Europeo le dimissioni di Borghezio, protagonista di analoghe imprese, petizione vittoriosa con oltre 130mila firme. Il parlamento europeo ha duramente censurato quelle parole e Borghezio è stato messo alla porta dal gruppo. Non vi è ragione alcuna perché l’Italia non faccia lo stesso, anzi di più.

14 lug 2013

Nemmeno lo spalamerda può fare

L'Huffington Post si chiede retoricamente se quest'uomo può fare il vice presidente del Senato. La risposta non solo mia è l'oggetto del post.

Il Governo cadrà

Il Governo cadrà. Per le tensioni sempre più incontenibili all'interno del PD?, per il disfacimento del PDL?, per la condanna di Berlusconi?, per lo scandalo Kazakistan? Cadrà per una di queste ragioni o per il concorso di più d'una o di tutte. Allora il PD eviti traumi interni e non si faccia stuzzicare dalla possibilità di evitare tutto questo provando a salvare almeno per un po' Berlusconi. Certo la sua uscita di scena sarà traumatica e verrà pagata da tutto il paese, ma tenerlo in vita alla fine presenterà un conto ancora più pesante da pagare comunque  nei prossimi mesi. Il più furbo della compagnia PD, e a questo punto anche il più realista, sta facendo il giro delle cancellerie europee e viene accolto (s'è mai visto che un sindaco venga ricevuto in segreto dai leader europei?), ciò significa che le cancellerie con pragmatismo danno già chiusa l'esperienza Letta  e che sono pienamente consapevoli che il masso Berlusconi comunque lo si gestisca alla fine farà affondare la barca: c'è solo vedere se sia una questione di poco più di una decina di giorni o di qualche mese.

13 lug 2013

Cani e no

Il titolo del romanzo di Vittorini, Uomini e no, voleva introdurre una distinzione dicotomica tra chi era un uomo e chi no, come poi ci ha insegnato Sciascia, ci sono "gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà."
Però qui la classifica sciasciana si rivela ampiamente inadeguata a raccontare il tipo subumano e pure sub bestiale dei responsabili della vigliacca consegna al dittatore Kazako Nazarbayev della moglie e della figlia del suo oppositore.
Non mi interessa stabilire chi sia il responsabile non è compito mio, solo pensavo che Cani e No, giocando con il titolo del famoso romanzo, potesse rendere bene ciò che penso: i responsabili sono ben al di sotto del titolo di uomo, ben al di sotto della classifica che c'ha raccontato Don Mariano, e anche ben al di sotto dei cani intesi come animal, mammiferi e vertebrati.
Fate voi.

10 lug 2013

Come un pendolo, che non batte il tempo: inutile.

Quando avevo 13 anni mio padre era comunista e io non volevo esserlo così per sei mesi mi inventai di essere nazista.

Non durò. E a 13 anni e mezzo diventai anch'io comunista ma più nuovo. A 14 anni mi comprai il Capitale di Marx alla libreria Rinascita. Erano 5 o 6 tomi non ricordo, ricordo ancora lo sguardo tra l'incredulo ed il divertito della commessa che me li mise in un sacchetto da supermercato, non avevano borse abbastanza capaci. Rimango convinto che quella fu l'unica copia che mai vendettero. Ancora c'è a casa dei miei. A 15 o 16 anni lo lessi, non ci capii quasi niente se non che l'economia lo metteva nel didietro agli operai e l'avrebbe messo in futuro  in culo a molti altri.
Al liceo rimasi comunista anche se mi sarebbero piaciute le timberland ed il moncler (era il tempo dei baiosi e dei paninari). Mi accontentati di una giacca a vento rossa e di un paio di scarponi di Antonini, ma color giallo/arancio, tipo finterland. Presi paura di un golpe fascista una mattina del 1980 che i soldati ci fecero scendere dall'autobus che ci portava a scuola alla stazione di Porta Nuova e ci perquisirono perchè le BR avevano rapito il generale americano Dozier (pensa te che cretini).
All'università rimasi comunista ma l'anno che morì Berlinguer o subito dopo votai per il partito socialista di Craxi alle elezioni europee, perchè non sopportavo Craxi e soprattutto non sopportavo quelli che avrebbero votato PCI solo quella volta lì perchè gliela aveva imposto la televisione ed il funerale in diretta. Ricordo quando preparai l'esame di sociologia e conobbi Annalisa, mi innamorai di Toni Negri. Ma l'autonomia padovana era già finita, e noi facevamo finta di no: bambino nel 68, alle scuole medie nel 77 c'eravamo persi gli anni rivoluzionari....non c'era rimasto altro che far finta. Bastava leggere sui muri di Padova che "Pedro vive" ed era già rivoluzione. Annalisa era di Parma e diventammo molto amici, ci frequentammo per anni ed ora dovrei andare da un analista, perchè non mi ricordo più il suo cognome. Assurda questa cosa mi ricordo il cognome di un sacco di compagni che non furono nulla, ma di Annalisa che frequentai per anni, no. L'ho rimosso e non me lo sono mai più ricordato. Incredibile ma vero. Negli anni, perfetto Ferrini di quelli della notte, votai per Natta e per altri che non ricordo e poi arrivai a votare anche per Occhetto, Prodi, Rutelli!!!???!!!, e poi Veltroni e pure Bersani. E ancora, prima di Occhetto e del muro di Berlino, non mi laureai anche se di esami ne avevo sostenuti e nemmeno pochi e cominciai a lavorare, dove ancora lavoro...E Dio sa quanta polvere ho mangiato, per non dire merda e quante umiliazioni ho subito. Ma il tempo è passato, ho conosciuto in quegli uffici la donna che è divenuta mia moglie, ed ora gli stessi che un tempo mi umiliarono mi chiamano dottore anche se non lo sono, e ogni volta glielo ricordo  che non lo sono, ma quelli insistono "dottore, dottore", spietati e servili fino all'osso. In fondo degli infami. Ed ora ancora voto a sinistra ma ho i tempi politici di internet e degli spot televisi, mi piace Napolitano, ho votato Bersani, voterò Renzi, ho apprezzato Monti, il tutto più volte al giorno. Ho bisogno di un catalizzatore politico, voterei Vendola ma non posso...perchè una volta, per una sola volta vorrei vincere in politica e ancora non contento mi son dimenticato di dire che pure ho votato per i radicali ma anche lì alienato perchè mi piace la Bonino e molto meno Pannella anche se è stato geniale ed avanti anni luce rispetto al paese........
P.S. mai ascoltare in una notte d'estate, soli in casa, Low di David Bowie, vengono le malinconie.

Rapimento e sequestro di persona

Toccava di vedere e vivere pure questo.  Spero che non sia vero che l'Italia abbia sequestrato e consegnato all'amico (di qualcuno) dittatore Kazako Nazarbayev la figlia e la moglie di un dissidente.
Spero vivamente che non sia così, perchè qui saremmo oltre, molto oltre, le divisioni destra e sinistra, governo ed opposizione.

09 lug 2013

Si dice di Renzi

Si dice di Renzi che sia il nulla nascosto dietro slogan. Può darsi sia vero. Di sicuro la risposta per fare una nuova sinistra o un nuovo centro sinistra non è da altre parti che son 30 anni che non sento dire nulla, ma proprio nulla, solo tattiche senza strategie. Sperare è umano e allora spero in noi e in Renzi.

03 lug 2013

Devo cominciare a spaccare teste

Chissà che massacrando un po' di ragazzi e ragazze, picchiando giornalisti, picchiando inermi, suore, donne, sia la volta che anch'io faccia un po' di carriera in Finmeccanica, giusto la presidenza.

02 lug 2013

Una risposta a Gasparri

Ieri a TG3 linea notte, tra gli ospiti vi era Gasparri che a un certo punto polemicamente ha chiesto ai presenti: "Ma se non ci fosse Berlusconi voi che fareste?".
Rispondo per me all'onorevole Gasparri: "eviterei di scrivere un sacco di cazzate sul mio blog e da altre parti", detto questo nel caso di Gasparri, non ci fosse Berlusconi, dovrebbe andare a lavorare visto che a parte cazzate non ha mai fatto nulla in vita sua.

Gasparri nella sua miseria umana mi fa però sempre ridere, che sempre ho il dubbio che si tratti di Marcorè.