30 ago 2013

Quando il calcio è qualcosa di più di un gioco - Eric Cantona

Thatcher e Blair 20 anni dopo

Gli ultimi seguono i primi, ovvio, e allora la versione 20 anni dopo della Thatcher e di Blair, la stiamo vivendo ora in Italia. Berlusconi è stato devastante, forse non come la Thatcher, ma solo perchè era tra le altre un cialtrone, e allora gli è pronto a succedere il Blair di Firenze, anche lui in grave ritardo e non so bene con quali idee. L'alternativa è ben peggiore, questo governo con maggioranza di centro sinistra che si fa dettare tempi e modi da Berlusconi è veramente deleterio. Salvo solo Letta che pur essendo un conservatore credo sia una brava persona ma, come dire, la politica non è determinata da buone intenzioni ma da rapporti di forza.

27 ago 2013

Tenere il punto e non Violantare

Si vede la luce d'uscita del tunnel. Una uscita almeno politica, che si spera di buon augurio per una ripresa o anche solo ripresina economica. Se non ci si farà distrarre dalle Violantate tanto sottili e raffinate quanto inutili e dementi, il nostro ci farà il favore di dimettersi e di ritirarsi, seguendo come sempre il suo esclusivo interesse economico.

25 ago 2013

Sudditi e liberi, il sogno di una seconda Salò.

C'erano una volta la destra e la sinistra. Ma quel tempo è ormai lontano. Ci sono oggi un pregiudicato con un codazzo di sudditi da una parte, ed i liberi dall'altra. Un po' malridotti e increduli i liberi, divisi su tante cose, addirittura divisi tra partiti di governo e di opposizione, ma liberi e ancora in grado di apprezzare uno stato di diritto sia pure esso la malconcia Italia, capaci di distinguere tra chi il pane se l'è sudato e chi l'ha sempre rubato. I sudditi proni e incattiviti seguono il loro triste re buffone disposto a tutto, a sacrificare sudditi e liberi solo per salvare sè stesso - unico dio, esempio patologico di narcisismo, affarismo, corruzione economica e corruzione delle relazioni umane. I sudditi intanto pensano al tanto peggio tanto meglio, divisi tra imbecilli e cattive coscienze, nichilisti come lo furono alla fondazione della Repubblica, chiusi in una loro Salò necrofila ed affascinata da parole d'ordine decadenti, ubriachi di parole d'ordine vuote. Questa è l'Italia che si giocherà le rimanenti chances, ormai fuori dalla competizione europea e pronta a balcanizzarsi per seguire un delirio narcisistico, un avventurismo fatto di furbizie e mezzucci, vivere gli ultimi di giorni di Salò, una seconda chance, una rivincita della retorica mortifera sulla speranza. Ovvio i gerarchi si son già paraculati tutti, ma i sudditi son sempre carne da macello disponibile a basso prezzo.

20 ago 2013

A Matteo Salvini un problemino di aritmetica.

Leggendo le dichiarazioni che il giovanotto (ex) scrive in questo periodo mi era venuto voglia di rispondergli. Ho rintracciato le esternazioni dell'attivissimo Salvini, le ho messe in ordine cronologico - altra ordinazione non mi è parsa possibile: in ordine di cazzate è del tutto impossibile sono tutte da record, in ordine di ignoranza, anche lì è un azzuffarsi e meriterebbero tutte il primo posto, in ordine di razzismo... non se ne parla nemmeno. 

Poi però le ho lette tutte insieme, e dall'indignazione sono passato alla tristezza incontenibile e alla consapevolezza che nulla servirebbe rispondere. Allora mi limito a riportare una sola delle sue uscite, una delle più mistificanti per le persone che l'avessero letta. ""Napolitano dice che 'la catena umana per i migranti nel mare di Siracusa fa onore all'Italia'.Che palle! Ora li manterrà il signor Napolitano?". "A quando, caro ex comunista - aggiunge - una catena umana per aiutare i 4 milioni di disoccupati italiani?" 
Invece di analizzarla, non lo merita, e poi farla a pezzi con la logica e un po' di umanità, ho pensato di riportare un problema di aritmetica pubblicato sui libri di testo della Germania degli anni 30,  post avvento del nazismo al potere. 
Eccolo qui il problemino. "Un pazzo costa allo stato 4 Reichsmark al giorno, uno storpio 5,50, un criminale 3,50. In molti casi un impiegato statale guadagna solo 3,50 Reichsmark per ogni componente della sua famiglia e un operaio specializzato meno di 2. Secondo un calcolo approssimativo, risulta che in Germania gli epilettici, i pazzi eccetera ricoverati sono circa 300.000. Calcolare: quanto costano complessivamente questi individui a un costo medio di 4 Reichsmark? Quanti prestiti di 1000 Reichsmark alle coppie di giovani sposi si ricaverebbero all'anno con quella somma"

04 ago 2013

La grande manifestazione del PDL di oggi 4 agosto 2013

Folla lacustre. Situazione drammatica. Già giungono proteste da cinecittà, dove non si trova più un figurante e la lavorazione dei film è bloccata. Preoccupazione infine dei sindacati per la CIG nelle case di riposo di tutta Italia dove il personale è senza lavoro per mancanza di pazienti. Il sindaco Marino ed il Prefetto hanno organizzato la sicurezza, i celerini sono dotati di Polase, deambulatori e farmaci per la pressione, per sostenere la vegliarda folla.

03 ago 2013

Falco o Quaglione?

Bondì mota

Evoluzione extraparlamentari

02 ago 2013

E il condannato Berlusconi offende gli italiani

Ho trovato offensivo il discorso del condannato Silvio Berlusconi fatto alla tv. E non l'ho trovato offensivo per il contenuto, la solita montagna di menzogne enormi e sempre uguali, ma perchè condannato ha avuto la faccia di tolla di parlare alla nazione con tanto di bandiera italiana e bandiera europea alle spalle. Offendi tua madre e i tuoi complici, non i cittadini italiani. Anche l'oltraggio alla bandiera ci mancava.

Piccoli orfani portano le arance a Papi

Gli orfani di Silvio portano le arance al papi.
Nanetto da giardino con giannizzere.
Papi! Toccherà mica andare a lavorare!?
Per ora ce la semo scampata...
Uè Pirla, ecchemefrega, non hanno pizzicato me.

Ripartire dall'etica per metter ko Berlusconi

I nodi prima o poi vengono al pettine. Aver procrastinato sine die alcune decisioni che dovevano essere prese tanti anni fa, ha portato ad un nodo enorme e allo sfascio del paese. Capisco le ragioni della realpolitik, capisco l'emergenza economica, ma bisogna ripartire da una questione etico morale di base se vogliamo ricostruire qualcosa che non abbia in nascita le fondamenta marce. Silvio Berlusconi è un uomo pericoloso e lo è ancora adesso. Non è il momento di aver rispetto o pietà per l'eversore steso al tappeto, bisogna picchiare e duro per metterlo definitivamente ko. Non ci prendiamo in giro, il governo non durerà e maggioranze di governo alternative non ce ne sono in parlamento. C'è però una maggioranza numerica che deve coalizzarsi anche solo una tantum per dichiarare l'ineleggibilità di Silvio Berlusconi prima che lo facciano i giudici. Tanto deve la politica a questo paese. Non date tempo a Berlusconi di riprendersi e riorganizzarsi, che l'uomo ha molte risorse e lasciargli, con una qualche scappatoia, la possibilità di ripresentarsi potrebbe essere fatale per l'Italia.

Ci siamo arrivati, Berlusconi truffatore ed evasore

Ci siamo arrivati, truffatore ed evasore. Pensavo avremmo festeggiato in piazza la condanna di un delinquente abituale che, più abile di Houdini, riusciva a scivolare da un processo all'altro facendola sempre franca. Sono contento e in tanti lo siamo e però siamo anche un paese stanco, la cura Berlusconi ci lascia spossati.