22 gen 2014

Le preferenze sulla scheda elettorale e si diventa più democratici?

Un grazie a Ale, per lo spunto al post.

Si fa un gran parlare delle preferenze sulla scheda elettorale, come se reintroducendole cambiasse tutto ed il parlamento non fosse più un parlamento di nominati. 
Boh, sarà, ma io ricordo che quando c'erano le preferenze tanti elettori non mettevano preferenza alcuna e la lotta nei partiti nei fatti era per il listino "bloccato" già allora, che il primissimo gruppo, i primi dieci o giù di lì, venivano eletti e gli altri sotto il gruppetto blindato niente. 
Si dice "ma gente come Cosentino" non venisse imposta nelle liste bloccate non verrebbe eletta. Siete sicuri? La storia c'ha insegnato che gente come Cosentino e o altri designati dal capobastone di turno prendevano decine di migliaia di preferenze e continurebbero a farlo.
Allora siamo sicuri che il problema siano le preferenze o non che il problema sia più profondo e da ricercarsi nei meccanismi democratici interni ai partiti sempre più compressi?
Il problema vero del porcellum era dato dal fatto che non garantiva la governabilità ma una maggioranza certa ed esagerata alla camera e un sostanziale pareggio al senato. 
Non dimentichiamoci che fu fatto per non far vincere Prodi e funzionò. 
Io non sono contrario alle preferenze, se ci sono anche meglio, ma non è quella la panacea. Preferenze sì. preferenze no è un falso problema, meglio sarebbe fare delle primarie per scegliere i candidati, ...ma poi noi cittadini parteciperemmo? Allora meglio collegi piccoli e liste corte, possibilmente con le preferenze, ancor meglio con le primarie, che a quel punto una vaga idea di chi votare, preferenza o meno, me la faccio; se invece mi presentano un listone con 50 personaggi anche lasciandomi la possibilità della preferenza, nella migliore delle situazioni mi incarto da solo e di fatto decidono altri chi verrà eletto.

18 gen 2014

Renzi fatti un partito nuovo, ti seguiremo in tanti

Basta, è insopportabile. Abbiamo votato alle primarie? Qualcuno ha vinto e qualcuno ha perso come avviene quando si vota democraticamente. E allora? Basta non rompete il giocattolo rovesciando il tavolo. Meglio incontrare Berlusconi alla luce del sole innanzi a tutti che mettersi d'accordo sotto banco. Ipocriti. A questo punto la minoranza del PD avendo perso come i bambini si trastullerà giocando a buttare giù il segretario scelto da 2 milioni e passa di italiani e allora ricominciamo a farci male ove avessima ma i smesso. Fassina chi? Orfini chi? Vattelapesca chi? Ancora attuale Moretti ed il suo grido disperato "con questa classe dirigente non vinceremo mai". Renzi se ti cacciano fuori fai un nuovo partito o altrimenti cacciali fuori e voteremo ancora PD con qualche probabilità di fare qualcosa per sto paese del cazzo.

16 gen 2014

La padania e una domanda oziosa

Ma sequestrare la carta igienica stampata ed usata della padania sarebbe fascista? 
Cioè fermare i fascisti è fascista? In attesa di rispondere alla spinosa questione, credo che la padania e i leghisti siano senz'altro vigliacchi, non avendo nemmeno il coraggio di dire perchè pubblicano gli appuntamenti istituzionali del Ministro Kyenge.

Vivere e libertà. Vasco Rossi per l'Associazione Luca Coscioni

11 gen 2014

La canzone del Cota

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. 
E' incredibile infatti che rispetto a lui persino il trota rischi di sembrare intelligente.

Mi ricordo mutande verdi, e le corse di una bambina,
con l'amico mio più sincero, un coniglio dal muso nero,
poi un giorno mi prese il treno, l'erba, il prato e quello che era mio,
scomparivano piano, piano e piangendo parlai con Dio.

Quante volte ho cercato il sole, quante volte ho mangiato sale,
la città aveva mille sguardi io sognavo mutande verdi.
Il mio destino è di stare accanto a te,
con te vicino più paura non avrò
e un po' bambina tornerò.

Mi ricordo mutande verdi quella sera negli occhi tuoi,
quando hai detto: "Si è fatto tardi, ti accompagno se tu lo vuoi".
nella nebbia le tue parole, la tua storia e la mia storia,
poi nel buio senza parlare ho dormito con te sul cuore.

Io ti amo mio grande amore, io ti amo mio primo amore,
quante volte ho cercato il sole, quante volte ho cercato il sole

Il mio destino è di stare accanto a te, con te vicino più paura non avrò
e un po' più donna io sarò
mutande verdi nei tuoi occhi rivedrò.

09 gen 2014

Stamina l'ennesima truffa alla Di Bella

Stamina l'ennesima truffa alla Di Bella, e non sarà l'ultima in un paese dove la cultura scientifica è sottozero, e dove una classe politica debole, insicura, ignorante, preferisce ascoltare gli umori delle piazze invece dei pareri scientifici.
Quasi che in scienza valesse il volere numerico della democrazia del momento, delle volgarità televisive di programmi che producono dementi, e le opinioni fossero tutte eguali e fondate.
Ora comincia ad essere evidente a tutti che il metodo stamina è una truffa, anche ai mass media che senza alcuna coscienza avevano rimestato nel torbido producendo disinformazione, presto conteremo i morti, i soldi pubblici buttati nel cesso, e le false speranze date a persone disperate.
Passata la buriana, pronunciati i "non succederà più" di rito, presto si dimenticherà fino alla prossima truffa sempre sulla pelle dei più deboli.

06 gen 2014

Il nuovo digital divide e l'Onorevole Bersani

E' la mia opinione, nulla di più, ma temo che ci troviamo innanzi ad una nuova forma di digital divide che paradossalmente tende a portare all'autoesclusione delle elites intellettuali da certi settori dei social networks per poi passare all'autoesclusione della massa "normale" e lasciare infine campo libero a una sorta di nuovi barbari che facilmente danno sfogo alle loro frustrazioni a prezzo zero. Teppismo e qualunquismo ai tempi di internet.
Per farla breve e semplice ma chi me lo fa fare di combattere una battaglia di civiltà di proporzioni gigantesche contro una massa di ignoranti, idioti, troll, maleducati di varia natura, incivili semplici ed ignavi? Impossibile anche solo confrontarsi, manca un linguaggio comune per replicare a una massa che confonde le proprie frustrazioni insultando e augurando la morte ad altri..(nel particolare al povero Bersani vedi ad esempio qui) come fossero questi i responsabili della loro pochezza e ignoranza.