15 ago 2011

90.000, ma per finta eh?

Nulla aveva scatenato nei media tanta solidarietà dell'ipotesi di prendere a prestito una piccola quota del reddito di chi guadagna di più di 90.000 euro all'anno.
Sconcertante quanta pena facciano i ricchi nell'immaginario collettivo.
Ma già serviva uno specchietto per le allodole a togliere l'attenzione sulla vera bastonata (quante ormai?) alle classi inferiori: disoccupati, pensionati (quelli con le pensioni guadagnate con 40 anni di lavoro), cassintegrati, precari, lavoratori dipendenti e piccoli e piccolissimi autonomi.
Coraggio che il contributo su quelli con più di 90.000 alla fine non lo metteranno, e saremo tutti felici che di altro non si parlerà e poi fra poco comincerà pure il campioanto di calcio e finirà quest'incubo estivo.

3 commenti:

il Russo ha detto...

Ha ragione Straquadanio: questo accanimento nei confronti dei benestanti è odioso.
Lasciategli mazzulare noi coglioni che stiamo a scrivere da casa sui nostri blog alle 13 e 13 di ferragosto in santa pace...

angie ha detto...

"fra poco comincerà pure il campionato di calcio e finirà quest'incubo estivo."
io invece penso che quest'autunno... molta meno gente penserà al campionato!

Zio Scriba ha detto...

fra l'altro ho visto una tabella secondo cui a chi guadagna 90.000 la cosa costerebbe ZERO, mentre il "contributo di solidarietà" di chi ne porta a casa 100.000 sarebbe la bellezza di 285 EURO in un anno!!
ma poco sotto un giornalistucolo piangeva per questi poveracci, dicendo che in fondo gente che guadagna 4.000 euro netti al mese (8 MILIONI!!) non è poi così ricca...
Benissimo, allora avanti con l'aumento di gas ticket luce e benzina per i ricconi che già non arrivano a fine mese...