23 ott 2012

Il PD alla ricerca dell'azzeccagarbugli

Invece di pensare ad una sana competizione in vista delle primarie e poi  per mettersi al servizio del paese, ecco che ciò che più temevo s'è avverato. Dapprima l'apparato del PD che gioca a cambiare le regole della competizione interna - perchè teme di perdere - , e poi il Renzi che contro queste decisioni va per vie legali - sempre per tema di perdere. Ci stiamo preparando ancora una volta alla sconfitta, ma questa volta non essendoci competitori alle elezioni s'aveva il problema di farlo in casa. Lo stiamo risolvendo. Un bell'applauso ai vecchi ai nuovi lidersssssss! Oh Yeahhh!

3 commenti:

gattonero ha detto...

Fresca di giornata: osservavo una minuscola formichina che trascinava faticosamente una briciola in un selciato scosceso, diretta chiaramente al formicaio. Intorno decine di sue colleghe, che a me sembrava bighellonassero sfaccendate, in piccoli gruppetti o da sole, forse spettegolavano o forse parlavano di politica (che mi pare sia ormai la stessa cosa).
A un certo punto a 'sta poveraccia, unica al lavoro, se n'è affiancata un'altra; hanno parlottato per un po', poi quest'ultima si è piazzata dietro la briciola.
Stavo ragionando sull'intelligenza di queste bestiole, pensando "toh, una tira, l'altra spinge, al formicaio arriveranno prima e meno stanche".
Mi sono subito ricreduto, non sull'intelligenza, ma sul modo di applicarla: quella di coda, invece di spingere, era salita sulla briciola, facendosi trasportare su di essa.
Ti giuro: il formicaio l'ho visto come il nostro parlamento; la prima formica come un peone che portava il fardello (non per la costruzione in sé, ma per alimentare chi la stava costruendo, per contribuire nel suo piccolo a un qualcosa di nuovo).
La seconda formica: avrebbe dovuto aiutare anche lei, invece ha scelto di farsi trasportare da una bestiola che già era affaticata di suo.
Lascio a te l'identificazione della formica chiaramente italiota, anche perché con lei o subito dopo, ne sono comparse altre. Della stessa risma.
Formiche curiazie, che il divide et impera lo hanno letto al contrario, rivolgendolo verso se stesse.
Pensa tu che impera potrà venirne fuori.
Ciao.

dario ha detto...

Ora che D'Alema e Veltroni si sono fatti da parte, credo che ci sia una sola cosa, nel PD, peggio di Renzi candidato premier: Bersani candidato premier.

Intanto mi sfugge una cosa: in Lombardia si stanno combattendo le poltrone la Lega e il PdL. Che fara' il PD? candidera' un'altra volta Penati?

Matteo ha detto...

che analisi penosa