29 ott 2014

Vietnam PD

Forse questa volta la sinistra eviterà la scissione, certo mi sembra che la minoranza PD abbia iniziato una guerra di logoramento contro la maggioranza renziana. Non mi interessa ora esprimere le mie preferenze verso questo o verso quello, ma mi sembra che non vi sia la percezione che la guerriglia indebolirà un po' tutti in particolare i più deboli, intesi sia come minoranza dirigenziale interna, sia come elettori tradizionali PD che verranno strumentalizzati e buttati in campo e calpestati senza riguardo alcuno.
Quanto al sindacato, dato per acquisito che CISL e UIL contino come il due di coppe quando non è di briscola, inteso come CGIL mi preoccupa vedere come costantemente faccia sempre meno il sindacato e venga invece strumentalizzato per lotte politiche.
Se alla fine vi saranno macerie, ne faranno spesa i soliti noti e gli ultimi.
Verrebbe da dire la solita battaglia intra moenia per nascondere la pochezza di una classe dirigente e la crisi manifesta ed irreversibile di un modello di sindacato il cui primo obiettivo non è chiaramente l'interesse dei propri associati. Spero che la Camusso se ne vada e venga Landini, che ad oggi non può certo essere accusato di collateralismo.

5 commenti:

Dario Castelli ha detto...

Esprimo il mio parere prima che arrivi qualcuno a fare polemica...

Detto col cuore in mano, questa guerra di logoramento anche a me da' fastidio, per quanto la solita scissione di sinistra mi darebbe molto meno fastidio. Da cui, la minoranza PD di oggi mi sembra piu' matura di quelle di ieri.

Per dir la verita' quando penso a Civati (non a Bersani che' questo mi e' sempre stato sulle balle), se dovessi incontrarlo in birreria gli consiglierei di scindersi dal PD, perche' non si puo' mica continuare a prenderla nel didietro! Se stai col PD bisogna che remi col PD, se no ti ritiri a vita privata. Oppure formi un altro soggetto politico. Tutte e tre le alternative mi sembrano deleterie per lui e per chi ne apprezza i valori (come me).

L'unica vera opzione seria e' quella di lottare dall'interno, finche' c'e' qualche possibilita' di deviare il corso della storia dalla roadmap gia' prefissata da qualcuno.

Preferirei essere rappresentato da qualcuno che sta nella maggioranza ma non ha alcun potere oppure da qualcuno che fonda un suo piccolo partito che non ha i numeri per contare oppure non rappresentato del tutto? E' una bella lotta.

Detto questo pero' mi pare davvero sbagliato, in questo caso, puntare il dito sulla minoranza accusandola di questo logoramento. Un carroarmato in piazza tienanmen che stira uno studente disarmato forse non e' una bella immagine, anche se sappiamo esattamente dov'e' il potere.
Ma non si puo' certo incolpare lo studente della bruttezza dell'immagine.

Naturalmente non si puo' paragonare a questo Renzi, soprattutto perche' Renzi rappresenta la maggioranza che, in democrazia, dovrebbe sempre vincere.

oirad ha detto...

interessante questa cosa, "fare polemica" significa esprimere un parere diverso dal tuo? allora evito...

Dario Castelli ha detto...

no, non significa quello

oirad ha detto...

e cosa significa allora la tua prima frase?

Dario Castelli ha detto...

Dovesse capitare che qualcuno fa polemica ai miei messaggi, finirebbe che il mio parere espresso nei messaggi successivi ne sarebbe condizionato.
Per questo mi sento piu' libero ad esprimere il mio parere prima che cio' accada.
Non mi pare ci sia niente di male in questa strategia.
E, come vedi, puntualmente e' capitato che si facesse polemica anche su questa banale questione.