09 set 2013

Un impianto hi fi da 1000 euro

Se qualcuno mi chiedesse un consiglio per un impiantino hifi da casa, volendo spendere al massimo mille euro e comprandolo nuovo, che gli potrei consigliare? In realtà non avrei che l'imbarazzo della scelta, perchè anche se si pensa, per colpa di pochi ma rumorosi ed ignoranti, che "lo stereo" se non costa le migliaia e migliaia di euro sia una schifezza, non è così e la realtà è per fortuna un'altra. Infatti al giorno d'oggi si può assemblare un impianto veramente hi fi spendeno meno di mille euro, senza rinunciare alla piacevolezza della musica e alla correttezza di riproduzione. Come accennavo sono possibili n soluzioni, che se avrò modo e voglia magari illustrerò in successivi post. Ma cominciamo con una prima proposta. Partiamo da qualcosa di essenziale, e quindi una sorgente audio (in questo caso un lettore di cd), un amplificatore e un paio di diffusori. Per prima cosa consiglierei componenti separati, indipendenti come alimentazione l'uno dall'altro, perchè mediamente assicurano maggiore qualità, maggiore flessibilità d'uso e maggiore possibilità di scelta rispetto ai compattoni coordinati monomarca. Allora con ordine. 
Un lettore di cd prima di tutto. 
Un marchio poco conosciuto al pubblico non esperto, ma di ottima qualità è il Cambridge Audio. Cambridge è un marchio inglese, nato e cresciuto in ambito audio. Il loro cdp (cd player)Topaz Cd 5 si posiziona come prezzo sotto i 200 euro (190 per l'esattezza) nei negozi in Italia. Sono apparecchi dall'ottima musicalità che leggono vari formati audio, hanno alimentazioni ben curate, e montano convertitori wolfson - marchio i cui chip sono presenti su apparecchiature top di gamma di svariati marchi hifi.

Come amplificatore direi il nuovo Pioneer A - 20, 50 watt su 4 ohm (30 su 8), una potenza più che buona per ascoltare musica anche ad alto volume in ambito domestico, con ogni genere musicale, musica classica compresa. L'amplificatore è dotato di telecomando e si trova intorno ai 230 euro.

Come diffusori opterei per un paio di diffusori da stand che all'occorenza possano stare anche su una mensola o in una libreria. Si tratta delle Boston Acoustics A25. Le ho sentite suonare ad una mostra e da lontano ho pensato "accidenti che suono!" poi le ho viste e l'altro pensiero è stato bellissime "chissà che costano, probabilmente una fortuna!". E invece poi si trattava di queste piccoline che si trovano sotto i 300 euro la coppia.
Non dico altro, ma mi hanno sorpreso come non mi accadeva da tempo. Se ascoltate heavy metal, non rimarrete delusi nemmeno in quel caso, certo non aspettatevi che dei woofer da 13 cm vi demoliscano i muri...stiamo parlando di un ottimo stereo e di diffusori dal rapporto qualità prezzo eccellente, ma i limiti fisici non li travalica nessuno e niente miracoli anche per oggi. 
Faccimo un po di conti. Cdp 190 + ampli 230 + diffusori 280 = Totale 700 euro. Se riuscite ad ascoltarli tutti e tre assieme, o anche uno ad uno, vedrete che rimarrete sorpresi della qualità musicale che si può avere in casa al prezzo, in fondo, di un buon smartphone.

Nessun commento: