01 nov 2010

Canzone per Silvia - Francesco Guccini


In una giornata di pioggia, il giorno dei morti ho riascoltato questa vecchia canzone di Francesco Guccini. Si dimenticano i fatti di cronaca e nulla come la musica può far ricordare con emozione. Penso che avevo molto seguito l'assurda storia di Silvia Baraldini. La ricordo adesso attraverso le parole di questa "Hurricane" di casa nostra. Spero che Silvia oggi viva con felicità la sua libertà, che in tanti abbiamo per lei sperato. Grazie a Francesco che con una canzone ha regalato la libertà a Silvia e anche, per una volta almeno, al Governo D'Alema che per una volta una cosa di sinistra l'ha fatta.

Canzone per Silvia

Il cielo dell' America son mille cieli sopra a un continente,
il cielo della Florida è uno straccio che è bagnato di celeste,
ma il cielo là in prigione non è cielo, è un qualche cosa che riveste
il giorno e il giorno dopo e un altro ancora sempre dello stesso niente.

E fuori c'è una strada all' infinito, lunga come la speranza,
e attorno c'è un villaggio sfilacciato, motel, chiese, case, aiuole,
paludi dove un tempo ormai lontano dominava il Seminole,
ma attorno alla prigione c'è un deserto dove spesso il vento danza.

Son tanti gli anni fatti e tanti in più che sono ancora da passare,
in giorni e giorni e giorni che fan mesi che fan anni ed anni amari;
a Silvia là in prigione cosa resta? Non le resta che guardare
l' America negli occhi, sorridendo coi suoi limpidi occhi chiari...

Già, l' America è grandiosa ed è potente, tutto e niente, il bene e il male,
città coi grattacieli e con gli slum e nostalgia di un grande ieri,
tecnologia avanzata e all' orizzonte l' orizzonte dei pionieri,
ma a volte l' orizzonte ha solamente una prigione federale.

L' America è una statua che ti accoglie e simboleggia, bianca e pura,
la libertà, e dall' alto fiera abbraccia tutta quanta la nazione,
per Silvia questa statua simboleggia solamente la prigione
perchè di questa piccola italiana ora l' America ha paura.

Paura del diverso e del contrario, di chi lotta per cambiare,
paura delle idee di gente libera, che soffre, sbaglia e spera.
Nazione di bigotti! Ora vi chiedo di lasciarla ritornare
perchè non è possibile rinchiudere le idee in una galera...

Il cielo dell' America son mille cieli sopra a un continente,
ma il cielo là rinchiusi non esiste, è solo un dubbio o un' intuizione;
mi chiedo se ci sono idee per cui valga restare là in prigione
e Silvia non ha ucciso mai nessuno e non ha mai rubato niente.

Mi chiedo cosa pensi alla mattina nel trovarsi il sole accanto
o come fa a scacciare fra quei muri la sua grande nostalgia
o quando un acquazzone all' improvviso spezza la monotonia,
mi chiedo cosa faccia adesso Silvia mentre io qui piano la canto...

Mi chiedo ma non riesco a immaginarlo: penso a questa donna forte
che ancora lotta e spera perchè sa che adesso non sarà più sola.
La vedo con la sua maglietta addosso con su scritte le parole
"che sempre l' ignoranza fa paura ed il silenzio è uguale a morte",
"che sempre l' ignoranza fa paura ed il silenzio è uguale a morte",
"che sempre l' ignoranza fa paura... ed il silenzio è uguale a morte"...


3 commenti:

Angie ha detto...

anch'io, ai tempi, mi sono battuta per lei, che veniva torturata nelle carceri americane: "purtroppo" D' Alema, da Clinton, riuscì ad ottenere il suo rientro (dopo numerose richieste italiane respinte)... il giorno dopo la clamorosa assoluzione del pilota sotto inchiesta per la tragedia della funivia del Cermis!

nico ha detto...

Bravissimo Silvano, ricordare con un bel post vicende come quelle di Silvia attraverso una grande canzone di un grande autore non fa altro che bene a tutti.
Anch'io all'epoca ero un fervente frequentatore del newsgroup di Guccini, e la vicenda coinvolse tutti in modo incredibile!
Fra l'altro, sicuramente lo sai ma è bello ricordarlo, anche ai concerti di De Andrè c'era sempre un posto libero per Silvia in prima fila.
A presto un abbraccio

Ernest ha detto...

Si ricordo quei giorni, quella canzone e quella lotta. Avevo anche spedito una cartolina alla Casa Bianca.
Quoto Angie per la questione del Cermis