19 lug 2011

L'antipolitica di Berluska

In questi giorni ricevo decine di mail, di catene con la preghiera di massima diffusione per far sapere al mondo delle nefandezze e dei privilegi invero osceni della casta (ma l'hanno scoperto adesso? Cos'hanno fatto fino ad oggi? dormito?)
Mi scrive gente che di politica non ha mai capito una beata fava e che magari, memoria corta, ha votato per il Berluska e per la medioevale corte di nanetti.
E già non sono più indignati contro questo governo corrotto ed inetto come lo erano un mese fa... ora ce l'hanno con tutti essendo tutti come Berlusconi e Berlusconi come tutti... mi immagino il nostro mini tiranno che se la sta ridendo di questo mare di idioti che ancora una volta si stanno facendo fregare.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

scusa...ma mi sembra che dei privilegi godano tutti parlamentari/politici e che i "senza macchia e senza peccato" non si strappino le vesti per cambiare le cose...cosa dici?
Marco

silvano ha detto...

Questi privilegi ci sono e vanno ridimensionati ed allineati alla media europea, l'inghippo finale dell'ondata di antipolitica non dev'essere però "tutti colpevoli nessun colpevole" o "tanto sono tutti uguali" perchè altrimenti al berluska riesce ancora una volta il gioco delle tre carte come gli è riuscito dal 94 in poi. Ricordiamoci che si lanciò in politica con lo slogan dell'antipolitica.
ciao.

Sull'Amaca ha detto...

Parole sante!

Incredibile ora è arrivato il "din don" alla gente... ciao

listener-mgneros ha detto...

dove erano tutti questi quando tu ed io abbiamo aperto un blog contro le frasi razziste del porco? E quanti promettevano mari e monti d'impegno e poi venivano a far vetrina naricsistica?!?
se le infilino nel culo ora le loro catene indignate...se fai il razzista passi ma se scopi più di me allora mi da fastidio...fanculo!

dario ha detto...

Ma cazzo, dico io. E vabbe', dopo questo mio intervento ci sara' qualcuno che dice che dico che sono un qualunquista e quindi faccio il gioco di Berlusconi. Pero'....

Cavoli Silvano, dici che la casta ha dei privilegi? E punti il dito contro Berlusconi? Bene. Anche io dico che la casta ha i privilegi e anche io punto il dito contro Berlusconi, ma le due cose sono slegate, stanto dio.

Cioe', tu dici che e' berlusconi causa dei privilegi ingiusti? E poi ti fanno notare che tutti quanti i parlamentari/politici godono di quei privilegi e tu ribatti che chi dice cosi' e' perche' sostiene che sono tutti uguali.

Ora, diamo per scontato che Berlusconi e' un farabutto della peggior specie. Ma sara' tutta colpa sua 'sta manovra finanziaria?
A me pare che tutta la maggioranza e anche l'opposizione l'abbia approvata. Poi l'opposizione ha detto che fa schifo, ma intanto l'ha fatta passare, e in fretta. E cosi' magari dicono pure che i propri privilegi sono ingiusti, ma intanto se li intascano. Qualunquismo? Certo che e' qualunquismo. Finche' tutti faranno le stesse cose io continuero' a prendere atto che tutti fanno le stesse cose.

Questi privilegi, noi italiani, non li abbiamo notati solo adesso. E' da quando ero un bambino che mi chiedevo perche' certi politici di destra come di sinistra facessero una vita di gran lunga migliore della gente che rappresentano, incluso me. E solo perche' sono politici.

Il controllore lo paga il biglietto del treno? No, porco cane. Non e' giusto ma non lo paga. E allora dire che e' colpa di berlusconi, governo ladro!, mi pare altrettanto qualunquista di dire che sono tutti uguali.

A me pare che il giochino sia sempre lo stesso. Cio' un unghia incarnita? Berlusconi bastardo! Cacchio, mica e' colpa di berlusconi che ho l'unghia incarnita! E beh, allora diciamo che sono tutti uguali!

Dopodiche' io mi mettero' a ballare nudo sopra alle balle del toro in galleria Vittorio Emanuele, quando Berlusconi si sara' tolto di mezzo (e ti assicuro che non sara' certo un bel vedere!). Ma fare politica con l'antiberlusconismo a me pare davvero bendarsi gli occhi, santo cielo!

silvano ha detto...

Dario dev'essere proprio vero che scrivo come una bestia perchè non riesco a spiegarmi.
Il nocciolo del post, quello su cui volevo richiamare l'attenzione era il tempismo perfetto nella scelta degli argomenti di cui far parlare la gente, e non la genesi, le responsabilità e la cronistoria dei privilegi della casta.
ciao.

dario ha detto...

:-) nah... sono io che come al solito generalizzo gli argomenti particolari.

dario ha detto...

e tra i due, il primato della bestria-scrittore ce l'ho io!

Anonimo ha detto...

Non riesco a capire perchè io mediamente stupido negli ultimi 15 anni ho più o meno previsto come sarebbero andati a finire, o da dove arrivavano questi scandali e fior fiore di analisti non ci hanno mai capito un cazzo. (non sarà che non ci vogliono capire?).
Io la penso esattamente come te Silvano e già domenica quando è saltato fuori sto spidertruman mi sono fatto le tue stesse domandi e sono arrivato alle tue stesse conclusioni.
Ora te ne dico un'altra, papa va in galera e tedesco no, proprio per alimentare questo fuoco, il loro schema, a 20 anni di distanza ormai, è allontanare la gente dalla politica e convincerla a non pensare.
ola subcomandante

dario ha detto...

Boh, mi piacerebbe che Papa va in galera perche' e' colpevole e Tedesco se ne sta fuori perche' e' innocente. O viceversa. O tutti e due colpevoli in galera. O tutti e due innocenti fuori.

A me piacerebbe di piu' che noi di sinistra si finisca per votare un partito di sinistra onesto che finisca per governare la nazione onestamente. E invece no, il leader del partito della sinistra, Bersani, che io finiro' per votare alle prossime politiche perche' si suppone che in quel partito io mi ci riconosca i miei ideali, e' li' ancora a riporre la propria fiducia su un elemento come Penati, che ha perso tutto quello per cui ha corso ma e' ancora coccolato dal Partito. Che e' finito a fare il sindaco di Sesto e ha finito per rubargli in casa.
Non mi pare di essere giustizialista, perche' sono convinto che non sta a me giudicare. Io non e' che voglio vedere Penati dietro le sbarre a tutti i costi, ma almeno lo si cacci dal partito, santo cielo.

Io a Penati l'ho votato, alle regionali Lombarde, perche' mi sono sentito chiamato dalla campagna-saldi "Voto Utile". E ovviamente ha perso, dimostrando che l'inutilita' del mio voto fu diretta conseguenza dell'ottusita' dei vertici del PD.
Ma sto andando fuori tema eh?

http://radiciitaliane.blogspot.com/2010/04/il-valore-del-voto.html