08 gen 2015

Quanti sono finiti nel pentolone?

Quanti sono finiti nel pentolone del nuovo terrorismo? A giudicare dai miei limitati orizzonti, colleghi di lavoro,  conoscenti e un po' di web, nel pentolone ce ne son già finiti parecchi.
Già il trappolone dei terroristi islamici sembra funzionare alla grande. Gli ingenui ed i fascisti son già proni ai loro desiderata - dividersi tra NOI e LORO (gli immigrati, milioni in europa infiltrati da sole poche centinaia di fondamentalisti del terrore) e combattere noi stessi contro la nostra civiltà democratica, rinunciando  in nome della paura alla democrazia e all'integrazione.
Vinceranno loro ed i loro alleati/nemici pelosi del fascismo francese lepenista ed i loro epigoni sparsi un po' ovunque?
E' già successo quando lo spauracchio ed il grande nemico furono ottanta anni fa gli "EBREI"  - gli unici diversi presenti allora in europa..
Insomma una fregatura che va sul doppio binario dei nemici contrapposti e della libertà e della tolleranza che verranno abolite per tutti.
Non è un caso se il paese più a rischio oggi sia la Francia che, al pari nostro, ha dimenticato di fare i conti fino in fondo con la Repubblica di Vichy e con il suo rigurgito in occasione della guerra d'Algeria.
Paesi che difficilmente scivoleranno nel trappolone lepenista/jihadista sono forse la Germania, che ha fatto i conti con il suo passato, e di sicuro l'Inghilterra dove la tradizione antifascista al pari degli USA non ha mai avuto dubbi o tentennamenti.
Nazisti e jihadisti alleati di fatto contro la democrazia e con la grande forza della paura e dell'ignoranza loro potentissima alleata.
Uno scenario allucinante per qualunque democratico nei fatti e non a parole.

Nessun commento: