10 lug 2008

Legalize it - Peter Tosh


"I Rasta possono tenere molta marijuana":Una sentenza della Cassazione ha dato ragione a un uomo rasta di 44 anni che era stato condannato a 16 mesi di detenzione: per la sua religione è "erba meditativa"

"La fumano i dottori, la fumano le infermiere, la fumano i giudici e persino gli avvocati".
Peter Tosh "Legalize it".


4 commenti:

Ishtar ha detto...

Io no fumo ma penso che legalizzando non solo le droghe leggere ma anche le altre si renderebbe meno facile la vita a chi si dedica allo spaccio, be , fosse per me legalizzerei anche la prostituzione, con tanto di controlli medici...almeno le persone tradite non correrebbero anche il rischio e la beffa di essere anche infettati da virus in generale!
Anche con la speranza di indebolire coloro che la sfruttano selvaggiamente!

Ma queste sono le mie idee!
Ciao

Cesco ha detto...

Ebbene sì, lo ammetto!!! Sono stato anch'io uno "spipacchione" di marjuana, ai tempi della scuola. Ma il motivo per cui non fumo più, anche se non sono mai stato un consumatore assiduo, è che comunque non mi piaceva più di tanto, e le occasioni per provarla si facevano via via più rare, con il diradarsi delle feste organizzate tipiche dell'età dai 16 ai 25 anni. Difenderò fino allo stremo le posizioni di chi vorrebbe legalizzare le droghe leggere, perchè insieme a centinaia di migliaia di altre persone, sono la prova vivente che non sono dannose (almeno credo eh eh), e che le balle tipo "sono l'anticamera per l'eroina" non sono altro che baggianate. Anzi. La marjuana in molti casi può essere utilizzata per lenire gli effetti da astinenza di eroina, e ne so qualcosa, visto che ho due zii ex tossicodipendenti, che prima di disintossicarsi non avevano mai neanche provato l'erba. Alla faccia di chi dice il contrario.

Ora vado a rollare... ehm, a lavorare, ciao Silvano....

Ponke ha detto...

Ciao Silvano, anche io sono per la legalizzazione delle droghe leggere.
E' sempre una questione di buon senso, come bere alcolici d'altronde, non guidare se esageri, non esagerare in generale. Trovare un modo di venderla, perchè non sia spacciata illegalmente, controllarla perchè non sia più tossica di quello che dovrebbe. Non sono per la liberalizzazione delle droghe pesanti, ma neanche per la galera per i tossicodipendenti, dato che non sono realmente in grado di intendere e volere, sono da aiutare. Odio gli spacciatori, quelli sono da arrestare e riabilitare in qualche modo. I pesci grandi si servono dei pesci piccoli, è una storia vecchia da riciclare e complicata.

silvano ha detto...

@Ishtar: anch'io sono per la liberalizzazione completa degli stupefacenti. Di fatto se uno li vuole comprare sono già liberi adesso per tutti. Liberalizzarli sarebbe l'unico modo per debellare o almeno colpire con grande efficacia le organizzazioni criminali nazionali e internazionali quelle che chiamano narcomafie.

@cesco: come sopra...a buon intenditor poche parole ;-P

@monica: ok per la liberalizzazione delle droghe leggere, ma anche di quelle pesanti, con le dovute modalità. Penso in una prima fase a narco salas, tipo Spagna, luoghi dove il tossicodipendente possa farsi di eroina con un'enventuale assistenza medica nel caso di overdose (gli spagnoli hanno avuto ottimi risultati in termini di diminuzione di morti). Poi penserei anche alla liberalizzazione dell'eroina, penso alla distribuzione gratuita e controllata in farmacie e/o ulss.

Ciao a tutti e tre e grazie per i vostri commenti.