3 ott 2010

Fisichella un prete da corsa


C'era una ragione alfine per cui l'ho sempre confuso con quello che correva con le macchine.
Sui fatti di questi giorni invece riporto le parole di Rosy Bindi, perchè sono più esaustive e molto meno volgari di quanto potrebbero essere le mie di ateo:
"Fin da piccola mi hanno insegnato a non pronunciare il nome del Signore invano - premette l'esponente Pd - Sarò all'antica, ma mi amareggia profondamente e mi turba constatare che per un pastore della mia Chiesa ci sarebbero occasioni e circostanze nelle quali è possibile derogare anche dal secondo comandamento".

10 commenti:

Zio Scriba ha detto...

Sempre più deprimente la bacchettona e ipocrita Lobotom-Italy. Ma ci rendiamo conto? Il più grande vespaio anti-nano si leva l'unica volta che Egli NON dice parole disoneste o arroganti o destabilizzanti o mafiose, ma una stupida (e inopportuna) barzellettina che termina con un simpatico e innocuo Orcodio. La cosa grave è un presidente del consiglio che racconta simili cazzatine da bambini di otto anni, e per di più riadattandole contro un'avversaria politica, altro che Orcodio!
Siamo ancora ai comandamenti dell'immaginario e truculento dio di un popolo di beduini di migliaia di anni fa, questo è il grave e il deprimente, Orcodio!
La cagatina Orchidea-Orcodio, e in particolare la paroluccia finale Orcodio, è la prima parola simpatica che sento pronunciare da quel maledetto nano piduista da quando lo conosco (e QUINDI stiamo certi che chiederà scusa leccando il culo per bene al clero) e le pecore italiote diventano pecore mannare perché ha detto Orcodio! Massì, lapidatelo! E già che ci siete lapidate anche me, Orcodio!

Gap ha detto...

Concordo con Zio Scriba e finanche con Rosy Bindi.

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvano ha detto...

Ha ragione il vecchio Pannella. Il problema è che in Italia la Chiesa non è libera. Lo so può sembrare un paradosso, ma una Chiesa che viene stipendiata dallo Stato magari sarà ricca e corrotta ma certo non libera nel giudizio e nelle azioni. Il finanziamento da parte dello stato implica necessariamente quello che ha ben detto Ale "la commistione soldi/politica/religione che fa fa schifo qui."

I veri fedeli dovrebbero per primi ribellarsi all'addomesticamento della parola di Dio. Quei 30 denari sembra che continuino a girare con gran successo e di Giuda ce n'è a bizzeffe.

Ovviamente non va meglio per i veri laici che si trovano prigionieri di questo mercimonio canceroso.

ReAnto ha detto...

El Diablo 2

il giardino di enzo ha detto...

E' il Cugino Maligno del Pastore Tedesco.
E ho detto tutto.

Bastian Cuntrari ha detto...

Quella che non vedo impiegata nei commenti che precedono è la parola "rispetto".
Zio Scriba definisce la bestemmia del nano una "parola simpatica". Da atea, la definisco qual è: un bestemmione a tutto tondo. Irrispettoso del sentimento di altri. E se assolviamo il nano per questa mancanza di rispetto nei confronti dei credenti, assolviamo Bossi per il suo S.P.Q.R., Ciarrapico per le kippah, e ancora il nano per quella sugli handicappati, su Hitler e sugli ebrei...
Il riguardo deve aversi nei confronti di tutti. Il fatto che i cattolici e la chiesa non ci piacciano, non esime noi - che ci professiamo "liberi e democratici" - dal rispetto che, giustamente, pretenderemmo da loro per le nostre idee e per il nostro sentire.

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

straquoto bastiancuntrario.
la bestemmia, così come l'offesa gratuita a sesso razze e fisionomie è nient'altro che una mancanza di rispetto e grande forma di maleducazione.
Alla base della democrazia c'è il rispetto e l'educazione; un maleducato non sarà mai un uomo libero.

ola
subcomandante

Ernest ha detto...

trattasi di bestemmia ad personam...