17 mar 2010

Il muro si chiude, passo dopo passo



14 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Hei! Ma che stai a di'?? Mica mollerai, vero??? Ti aspetto alla prossima, caro amico.

Mat ha detto...

???

Max ha detto...

Ricorda che anche Pink alla fine abbatte quel "muro" che lo separa dal resto sel mondo e dal suo vero IO

Chica ha detto...

a me non sembrano così incomprensibili i tuoi scritti..tantomeno i tuoi commenti...anzi...

Harmonica ha detto...

va be dai, anche a me ultimamente capita di non essere capito, comunque mai mollare.
ciao

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
listener ha detto...

non posso dirti di non arrenderti io mi sono arreso più volte riguardo al blog, come per altre cose, poi sono tornato su luogo de delitto, ovvero dove pensavo di trovare solo il mio cadavere e...maledizione respiravo ancora!

Lucien ha detto...

Non mi piace "arrendersi" utilizzato in questo contesto.
Per molti scrivere è una necessità, è voglia di condividere e ancor più spesso un piacere: se queste tre cose vengono sovrastate da una sorta di obbligo allora ci si ferma, ma non è una resa, la definirei più una sospensione. Chi ama scrivere prima o poi ritorna sempre sul luogo del delitto (come dice Listener).

A presto Silvano.

Euterpe ha detto...

TEAR DOWN THE WALL!

giudaballerino ha detto...

Hey you, don't tell me there's no hope at all
Together we stand, divided we fall

Maurizio Pratelli ha detto...

condivido totalmente il pensiero di Lucien.

emma ha detto...

Per una volta condivido i commenti che mi precedono: hold on, continua; è - almeno credo - una parte di te, della tua vita e, siccome sono certa che è così, come dice listener tornerai sul luogo del delitto :)

baci

@enio ha detto...

buona notte ai suonatori sopratutto se si suona la stessa musica e non c'è neanche un minimo confronto dialettico per non disturbare chi dovrà poi venire a commentarti...

Chica ha detto...

..stiamo qua, dall'altra parte del muro, aspettando che lo prendi a picconate...