10 mar 2010

Mo' me te magno



13 commenti:

Chica ha detto...

aaammmmhhhhhhhhhhh......tipica espressione di un esponente del partito dell'ammore...forse voleva dargli un bacino??..o forse spezzargli un braccino??

zefirina ha detto...

come disse alberto sordi

floriana ha detto...

Come si fa a commentare?:QUESTE SONO LE PERSONE CHE GOVERNANO QUESTO PAESE...NO COMMENT

Anonimo ha detto...

quì si vede realmente il fascista LA RUSSA ERI E SEI RIMASTO UN VIOLENTO
SPERO NON INCONTRARTI MAI PERCHé SE COSI FOSSE TI FARò PENTIRE AMARAMENTE.
VERGOGNA UN MINISTRO CHE AGISCE COSì
MERITA DI ESSERE MANDATO NELLE PATRIE GALERE E BUTTAR VIA LA CHIAVE.

Francesco Cuccuini ha detto...

Il comportamento di un rappresentante delle Istituzioni :-(

di un Ministro delle Repubblica :-(

di un parlamentare :-(

Vergognoso.
Penoso!

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
giudaballerino ha detto...

Ma che avete capito?! Il tipo è un dentista e sta controllando la carie del ministro...

Kimo ha detto...

Poraccio, cosa volete? Lo tengono chiuso in gabbia tutto il giorno, lo stuzzicano continuamente con dei bastoni, lo frustano continuamente per fargli eseguire dei comandi: come volete che si comporti, quando aprono la gabbia? E' solo un'altra vittima del prestigioso Circo Nano Orfei!

listener ha detto...

che lui sia un violento, spesso violetto non mi meraviglia..che a volte al posto di tante testate giornalistiche nessuno abbia mai reagito con una testata unica...mi sconsola...e non sono anonimo

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Harmonica ha detto...

ora abbiamo pure un ministro buttafuori..

listener ha detto...

si...ma di fronte ad un alitosi rauca e sbracata temo di non riuscire a stare tranquilloo

Anonimo ha detto...

che dire? ormai non ci sono + epipeti x definire questi abusivi del potere.Basta riferirsi al loro capo.Però è ben indicato il nome della coalizione:Popolo della Libertà: di arroganza,prepotenza, liberetà di corrompere, di evadere il fisco, di rubare i soldi pubblici e delle persone oneste.