23 feb 2009

A mezzanotte va La Ronda del piacere


Le mani dei partiti sulla sicurezza. Una parte delle ronde ha infatti un colore politico: in testa, sventolano le bandiere della Lega Nord, seguite da quelle di An, Destra di Storace, Forza Nuova e Fiamma tricolore. "Il rischio di politicizzazione della sicurezza - avverte l'Associazione nazionale dei funzionari di polizia - è reale e ci riporta alla memoria tempi che credevamo superati". Tratto da la Repubblica.

Allora mi chiedo la popolazione è consapevole del perchè questi gruppi vengono organizzati? Stiamo deragliando. Quello che sta per avvenire ed essere istituzionalizzato è una bomba ad orologeria. E se questi si allargano sentendosi forti di un potere che li giustifica?
E a Verona mia città non è che mi ritroverò davanti alla sera girando per le vie del centro gli assassini di Tommasoli ora autorizzati dal Prefetto e dal Comune?
Chi mi difenderà? Dovrò difendermi da solo?
E' questo che vogliono?
Temo di sì.

13 commenti:

Pietro ha detto...

La cosa puo' prendere delle pieghe brutte, una seria involuzione civile...ho fatto il post sullo stesso argomento, ridicolizzando un po' la cosa, ma consapevole che siano cose serie...

Max ha detto...

Tu pensi davvero che nel 2009 in Italia dei semplici cittadini volontari stufi del degrado , della delinquenza , della clandestinità impunita possano diventare un pericolo per la democrazia ?
Non posso credere che si pensi davvero questo.
Quand'è che la smetterete di pensare e dire quello che viene imposta da una certa parte politica e comincerete a ragionare con la vostra testa ?
Senza offesa , sia ben chiaro , ma ho questa netta sensazione.
Comunque fermo restando che rispetto in pieno il vostro pensiero ,ma mi rifiuto di credere che si pensi davvero questo.

silvano ha detto...

Max nel pieno rispetto delle tue posizioni, credo che questo possa essere un pericolo, in certi contesti, tutt'altro che remoto.
Tu credi davvero che 100.000 rom mettano in pericolo la sicurezza di 60 milioni di italiani?
Non ti sembra che poi questi terribili pericoli altro non siano che propaganda politica per distrarre le persone da altre faccende un po' più gravi e un po' più pericolose?
Comunque sia benvenuto nel mio blog, grazie di visita e commento.
Mi auguro tu possa ritornare.
ciao, silvano.

Elsa ha detto...

tutto questo non mi piace.
" A pensar male... etc etc.
Condivido il pensiero di Pietro, e poi anche dalla censura in rete si capiscono molte cose.

Elsa ha detto...

@ Max

Io penso con la mia testa, ovvio ho le mie idee, riscontro nella vita di tutti i giorni le scelte di chi chi ci governa. Non mi piacioni i toni, non mi garbano i modi, non condivido i fatti.
Sono ancora libera di esprimermi?
Non ho mai avuto una tessera di partito, leggo i programmi e poi aspetto i risultati.
Le RONDE possono portare serissimi problemi. Si parla di ex carabinieri, ex poliziotti, ex...
TU credi davvero che gireranno a mani nude??? IO NO.
Pensi realmente che non c possano essere reazioni? IO NO.

amatamari ha detto...

Se l'unica risposta al disagio è quella di dire ai cittadini "arrangiatevi" mi sembra già una sconfitta collettiva.
Non esiste più il poliziotto di strada - e chi lo ha mai visto? - e che era stato tanto decantato?
Non esistono più carabinieri e polizia - tanto sono già sottodimensionati da anni - non bastano i militari a spalare la monnezza?
E perchè mai il governo non va ad investire risorse sul sociale?

Luigi Serra ha detto...

Se è vero, come diceva qualche giorno fa Berlusconi,che in realtà gli stupri sono diminuiti,questa cosa lascia davvero perplessi. C'è davvero il pericolo che queste ronde si facciano prendere la mano e allora la vedo brutta. L'idea di veder girare per Cagliari (una città tranquillissima) queste ronde mi mette i brividi.
Secondo me otterranno solo l'effetto di creare solo più disordine.
Davvero spero non ci sia qualcosa dietro. Ma a pelle la cosa mi disturba parecchio.

Luigi Serra ha detto...

Il post di prima era un po' confuso, ma, scusate, ho scritto di getto.

Lucien ha detto...

Si comincia con le impronte digitali ai rom, si prosegue con l'obbligo per i medici a denunciare e non a curare i clandestini e ora le ronde. A forza di soffiare sul fuoco la gente si inferocisce e non capisce che invece è tutto fumo negli occhi (compresi quelli miopi dell'amico Max)e che a questi qua non fotte nulla perché altrimenti non tenterebbero di fare leggi per bloccare le intercettazioni quando grazie ad esse sono stati incastrati anche stupratori rumeni. Si sarebbero preoccupati, visto che hanno governato già tre volte, di fare leggi più dure per tenere in galera più tempo coloro che delinquono.
PS: Silvano hai notato che da un giorno all'altro sono andate perse iscrizioni nei blog?

la signora in rosso ha detto...

Mi piace raccontare questa esperienza:
In Riviera del Brenta contro le ronde padane arrivano le «ronde democratiche» patrocinate dai partiti di sinistra e dall’Anpi. Scenderanno in strada nel momento in cui i militanti leghisti cominceranno a girare per le strade con i cellulari.Le «contro ronde» saranno armate di cartello e fischietti e sbeffeggeranno i leghisti pronti a scendere sulle strade con una cinquantina di volontari.
Ciao

Maurizio Pratelli ha detto...

Tempi orribili e preoccuparsi è lecito, eccome. Lucien, in che senso perse iscrizioni nei blog?

Anna ha detto...

Nel commento della signora in rosso, lì, in quello di cui ci parla, trovo la pericolosità della cosa. Qui si rischia di aggiungere un problema ad un altro problema.
C'è chi scende per sbeffeggiare, giustamente. E i leghisti come risponderanno? Spero che qui a L'Aquila non ce ne saranno.Io stessa non so come reagirei...

P.S. Sì lucien, l'ho notato anche nel mio....

Vampiretta ha detto...

A me da profondamente fastidio il princio che i cittadini debbano tutelarsi da soli quando paghiamo le tasse eppure non ci viene concessa neanche la sicurezza da parte dello Stato.
Poi vorrei capire chi è questa gente che scenderà a fare le ronde, come è preperata al peggio e a confrontarsi con realtà difficili della strada che non sempre sono solo delinquenza.
Se poi pensiamo a quanto successo a Lampedusa dove un abitante dell'isola "scambiato" per un immigrato è stato bastonato alle spalle dalle forze dell'ordine... c'è da far accapponare la pelle pensando a cosa possano fare cittadini a cui è lasciata la discrezionalità di agire.