23 giu 2008

Bruce Springsteen - San Siro 28 giugno 2003

Bruce Springsteen su quella notte indimenticabile, 70.000 persone in delirio sotto 3 ore di DILUVIO UNIVERSALE ININTERROTTO!!!, “Pensavo siete matti, voi italiani” “THAT IS ONE OF THE TOP TOP TOP TOP TOP FIVE OF MY LIFE”.

Era una giornata tipica di quella indimenticabile e torrida estate del 2003. Eravamo arrivati a milano intorno alle 15.30, ed alle 16.00 eravamo entrati nello stadio. 20 metri dal palco. Grande. Caldo insopportabile, odori, corpi sudati di sconosciuti appoggiati ai nostri. Vecchi rituali di concerti. Una ragazza innanzi a noi continuava a rollare. Si fumava gratis il suo fumo. Non ho mai capito come facesse a tenerne così tanto con quel caldo. Continuavamo a bere acqua per non svenire e man mano che bevevamo se ne riusciva dalla pelle ad inzuppare magliette. Noia prima del concerto. Arianna, Stefania, Luca, Roberto ed io. I soliti. Francesca ed Alberto ce li eravamo persi nella bolgia. Comunque nel caldo torrido sono arrivate le nove ed il concerto è cominciato.
Sfuma la musica di "C'era una volta in America", il boss esce e spara subito "Promised Land".




Poi il concerto per un altro po' ma quando attacca “Waitin' on a sunny day”, ironia della sorte, è cominciato il diluvio universale.
Per chi non c'era immaginate di stare sotto una doccia ghiacciata con il getto massimo per tre ore ininterrottamente, soli i corpi dei vicini, ammassati, a scaldare. Dal campo si vedeva il vapore che si alzava verso il cielo.
Comincia a piovere!





AVANTI COSI' FINO ALL'ULTIMA CANZONE ROSALITA



Indimenticabile, mitico, epocale: infiniti ed inutili aggettivi.

Mercoledì 25 giugno 2008 io sarò ancora a Milano.
Speriamo non piova.








4 commenti:

stella ha detto...

Non pioverà,ne sono sicura!Bel concerto...
Buona giornata,silvano!

Anna ha detto...

Il grandissimo Bruce.
Ciao, sono tornata.
Ben trovato.....

Cesco ha detto...

l'audio non è il massimo, ma il boss è sempre il boss, che diamine...

paolo ha detto...

anche io ero a pochi metri dal palco quel giorno e nonostante il diluvio, ho ascoltato il concerto ininterrottamente, anche se in certi momenti di diluvio era difficile seguirlo bene