14 giu 2010

Italia - Paraguay 1 - 1 ma che fantastica Italia

Appena finito di vedere Italia Paraguay, un pallosissimo pareggio per 1 a 1.
Eppure ascolto Lippi che mi dice che è stata un'Italia bellissima.
Poi ascolto i soloni della critica e anche quelli giù di complimenti.
Infine non contento guardo la minisintesi al TG 1 e manca solo che mi dicano che è stata la partita del millennio.
Mi viene il dubbio che la nazionale per i media nostrani sia ormai come l'Italia per il Governo: la migliore e chi dice di no è comunista.
Io per me ho visto un tale Marchisio che sembra un prestito dal locale torneo scapoli-ammogliati; un Pepe che è il classico giocatore di confusione; Montolivo che quasi lo facevano Santo?, su di lui preferisco lasciar stare per carità di patria; e poi che dire del CAPITANO?! sempre puntualmente fuori tempo? e poi la forza e l'intelligenza di Chiellini? e che mi dite del buon Gilardino? chè non hai sentito Gila la moglie? meglio che vai a fare il bonifico per l'asilo del bimbo.

11 commenti:

Felipegonzales ha detto...

E' stata una classica partita all'italiana: penosa.
Ma da salvare a mio avviso sono Cannavaro e Pepe, e questo la dice lunga sui talenti azzurri.

listener ha detto...

bello il reticolato si addice a chi fa trionfalismi. Tu, come altri, me, stiamo dall'altra parte della grata.

Itsas ha detto...

non esageriamo!

si sono impegnati, certo è mancato un po' di fosforo lì al centro, ma mi pare che non ce ne sia molto in giro...

Maurizio Pratelli ha detto...

non una mezza idea da centrocampo in su. e il solico culo di lippi....

Euterpe ha detto...

meno male che Lippi c'è.....
da cantare sulla tristemente nota melodia.

Rouge ha detto...

La nazionale che vinse ai monsiali dell'82 pareggiò le prime tre partite giocando male e rischiando di perdere con il Camerun. Poi arrivò in fondo e tutti a godere.
Non credo succederà anche questa volta, ma perchè tifare contro?
Io ho visto una buona Italia, a cui manca ancora la finalizzazione.
I punti deboli sono che manca Pirlo in mezzo al campo, e si insiste a far giocare Marchisio e Iaquinta fuori ruolo.
Cannavaro (concordo) ormai è bollito: ha i suoi anni e bisognerebbe avere il coraggio di farlo star fuori e far giocare Bonucci, non fosse che con Chiellini (che ieri non ha sbagliato nulla) coppia centrale ha giocato poco.
Riguardo Gilardino, viste le sue caratteristiche, è ovvio che se è solo in mezzo non combina nulla.
Questo è il meglio che il campionato offre, non mi sembra si siano lasciati a casa fenomeni. D'altronde non è mica colpa di Lippi se i grossi club sono infarciti di stranieri (vedi Inter campione d'europa, dieci stranieri e mezzo su undici).
Comunque, secondo me per la Nazionale si deve tifare a prescindere, poi vada come vada.

silvano ha detto...

Nessuno tifa contro la nazionale. Ma non è nemmeno il Vangelo che non si può criticare. La verità è che fanno schifo, non c'è un giocatore di talento manco a pagarlo l'unico è il solito Pirlo (speriamo bene), ma poi c'è il vuoto.

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

dai, montolivo e pepe non hanno fatto schifo: si sono impegnati, hanno provato a tirare e hanno un buon potenziale futuro.
pur senza osannarli, si può riconoscer loro almeno questo

silvano ha detto...

Marco ma si son impegnati tutti, son d'accordo. Il fatto è che non ci sono molti margini di miglioramento perchè son giocatori che, a parte correre, non sanno far altro. Ci fossero i mondiali della buona volontà e dei bravi ragazzi probabilmente li vinceremmo. A Pepe però bisogna che qualcuno spieghi che non è che sia proprio obbligatorio sbagliarli tutti i cross, come non è obbligatorio non beccare nemmeno un passaggio per sbaglio, e nemmeno è obbligatorio correre con gli occhi spiritati come l'avesse punto una tarantola.

Rouge ha detto...

@ Silvano: ovviamente non sono d'accordo.
Comunque questo passa il convento e le colpe le ho indicate nel commento precedente.
A me questa Italia piace perchè è una squadra unita, conoscono i propri limiti e stanno cercando di superarli. Non c'è la stella, ma che io ricordi è da tradizione: in fondo l'unica vera stella che abbiamo mai avuto in Nazionale che sia stata determinante è stato Roby Baggio, per il resto collettivo e senso pratico.
Dubito riescano a ripetere il 2006, ma perchè non sperarlo?
Forse la Nazionale non è Vangelo, ma è una delle poche cose che unisce questo paese del cazzo, e sarà che ci tengo ancora a questo paese del cazzo, tifo Italia, fosse anche solo per non essere d'accordo con Calderoli e il TrotaBossi!
Un saluto

silvano ha detto...

Non è che se adesso uno non si strappa i capelli per una mediocre squadra di calcio debba subito essere arruolato con il trota e affini dementi. Ecchecazzo!

A dir la verità pure io spero che riescano ad andare avanti anche se dubito e dubito molto.

Poi cosa vuoi a me il calcio piace e piacciono pure le belle giocate. Come ha detto l'amico Maurizio in questa nazionale di pedalatori mediocri un Cassano, un Balotelli, un Miccoli sarebbero apparsi come Pelè, Maradona e Platini.

Reclamo il diritto di criticare una nazionale di scarponi dove il bello e il talento sono stati esclusi a priori.