25 set 2009

Il TG leghista in bergamasco


Mai più senza questa delizia.

10 commenti:

dario ha detto...

Ma scusa, quando su quel telegiornale trasmettono l'intervista a qualcuno che parla italiano, gli mettono i sottotitoli o fanno la traduzione simultanea?

Maurizio Pratelli ha detto...

ma come mai pronuncia umberto bossi e non umbert boss?

silvano ha detto...

Sarà mica terun il giornalista? (non lo so fare il dialetto bergamasco).

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Beh almeno é sottotitolato LOL...

luisa ha detto...

Il signore sa parlare il bergamasco come una foca ubriaca, meglio che parli l' Italiano, se ce la fa.

chicchina ha detto...

Ma perchè i sottotitoli in italiano?Non sarebbe stato più facile e logico,sottotitolare nei singoli dialetti? Già,la logica...

Alessandro ha detto...

Fantastico.
Un raggio di sole.
In Catalogna già lo fanno da decenni, così come in Baviera e in altre regioni. Quello che nel resto del mondo è normale, logico, da noi è sempre una cosa straordinaria e da condannare; d'altronde si sa sa che la mentalità italiana è indietro di duecento anni...
Ah, a proposito, nella mia provincia, Brescia, molti cartelli hanno la doppia dicitura italiano/lingua locale, la cosa bella è che se prima erano frutto delle amministrazioni leghiste, ora lo fanno anche quelle di sinistra. Bravi!!!

dario ha detto...

Amministrazioni di sinistra nella provincia di Brescia? Ma allora Dio esiste?

dario ha detto...

O meglio.
Ministrasiùn ent-la pruvincia de Brèssa? Ma alùra Diu 'l-gh'é

dario ha detto...

...póta!