11 mag 2010

I vinili colorati di David Bowie

Musica da guardare, si potrebbe dire. David Bowie non sarebbe mai diventato David Bowie senza Hunky Dory. Non lo so immaginare senza quella copertina. La musica da sola a volte non è sufficiente e forse nemmeno così bella. Ascoltiamo anche con gli occhi e questa è probabilmente la ragione per cui non riesco ad apprezzare, come meriterebbero, certi lp che solo ho sul lettore mp3 o su un anonimo cdr. Certo se sempre si è conosciuta la musica solo come immateriali files senza confezione, foto, carta patinata, libretti, questa sensazione di incompletezza non mancherà, anche se oggettivamente si fruirà di un'esperienza sensorialmente e cognitivamente impoverita.




11 commenti:

Ernest ha detto...

Davvero stupendi! Quando l'immagine accompagna le note, e in questo caso che note!!!
saluti

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvano ha detto...

La musica non è immateriale è qualcosa di fisico che molte volte non percepiamo ma non è immateriale. Pensa ad un concerto rock il bunch della grancassa che ti fa rivoltare le budella, pensa ad un concerto di musica classica l'onda sonora che producono cento strumenti nei pieni orchestrali, la senti fisicamente. Ascolta la musica con gli occhi chiusi o gli occhi aperti: cambia. Ancora più cambia se apri o chiudi gli cocchi durante un concerto, vedere i musicisti che suonano gli strumenti è una grande esperienza che manca quando ti ascolti la musica a casa, o camminando per strada.

Ma di che mi fai parlare Ale? Tu hai capito benissimo cosa volevo dire, è che non ti trattieni dal recitare la parte in commedia del bastian contrario.

ciao, silvano.

unwise ha detto...

secondo me le copertine sono una componente fondamentale della cultura pop-rock-etc-etc. spesso e volentieri sono anche un compendio voluto e curato (e qualche volta realizzato) dai musicisti stessi. credo che sfogliare la propria collezione di vinili (soprattutto, ma pure di cd) sia una cosa sempre emozionante. a sfogliare una lista di mp3 ci si annoia... ovviamente la musica ha vita propria, ma il fatto che tante opere importanti abbiano goduto anche di una ottima veste grafica, ha senz'altro contribuito alla loro diffusione. se dovessero essere tutte buste bianche con i titoli scritti a macchina, si perderebbe qualcosa di bello

Andrea ha detto...

bellissimi, opere d'arte. la musica � anche questo, il rock � oltre le note.

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

per bowie l'immagine è sempre stato un elemento fondamentale. ma anche oggi, pur mancando il supporto fisico, ci può essere la gif sull'iPod, o le immagini sul myspace o il video su youtube. lo so che magari non è la stessa cosa però bisogna cercare quel poco di magia anche nei tempi avari che viviamo

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
marta ha detto...

La musica potrebbe anche bastare a se stessa, però per me è fatta di un insieme di emozioni e di queste emozioni fanno parte anche quelle che si provano ascoltando un vinile, con i suoi fruscii e le sue imperfezioni.
I vinile decorati sono veramente bellissimi.

unwise ha detto...

proprio perchè la musica è cultura, secondo me non va isolata dal contesto culturale, che comprende naturalmente anche la parte visuale ad essa correlata. specialmente quando ad essa partecipano, anche solo come consulenti, i musicisti stessi. poi, ovviamente, ci sono casi di belle copertine sprecate per dischi schifosi, e viceversa, ma in diversi casi penso si possa dire che parte visiva e sonora facciano parte della medesima opera, che anzi sia persino ingiusto separarle. altrimenti è come conoscere una donna bella e intelligente, e parlarci solo al telefono solo per evitare di guardarle le tette...

allelimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
giannirock ha detto...

Grazie Silvano. Niente altro da aggiungere. Tutto magicamente perfetto.