23 nov 2009

Smalltown Boy - Bronski Beat


Oggi leggevo il bel post dell'amico Euterpe che ricordava il programma di Carlo Massarini, Mr. Fantasy uno dei primi programmi musicali in cui si proponevano i videoclip e tanta buona musica negli anni 80.
Programma a suo tempo di culto e di grande qualità. Il livello artistico delle proposte video era in alcuni casi altissimo.
In particolare mi son ricordato di una canzone dei Bronski Beat che ancora oggi è un piccolo capolavoro intimista: Smalltown Boy.
Perfetta la fusione di parole ed immagini, il tema dell'omosessualità, dell'emancipazione raccontati con tatto e sapienza.
Bellissimo. Se il non cantante Povia un giorno volesse capire come si parla di certi temi, lo impari a memoria e poi si ritiri a spalare spazzatura in una qualunque discarica.

You leave in the morning
With everything you own
In a little black case
Alone on a platform
The wind and the rain
On a sad and lonely face

Mother will never understand
Why you had to leave
But the answers you seek
Will never be found at home
The love that you need
Will never be found at home

Run away, turn away, run away, turn away, run away.
Run away, turn away, run away, turn away, run away.

Pushed around and kicked around
Always a lonely boy
You were the one
That they'd talk about around town
As they put you down
And as hard as they would try
They'd hurt to make you cry
But you never cried to them
Just to your soul
No you never cried to them
Just to your soul

Run away, turn away, run away, turn away, run away.
Run away, turn away, run away, turn away, run away.

Cry , boy, cry...
You leave in the morning
With everything you own
In a little black case
Alone on a platform
The wind and the rain
On a sad and lonely face

Run away, turn away, run away, turn away, run away.
Run away, turn away, run away, turn away, run away.

3 commenti:

Madison Fallen ha detto...

stupenda, la adoro!
The Fire ne hanno proposto una cover
un pò rockeggiante di recente.. ma non si avvicina minimamente all'originale!

Euterpe ha detto...

Andarono ospiti a Sanremo e cantarono Ain't necessairly so di Gershwin ed all'epoca erano considerati pop-dance.
Oh tempora ! Oh mores !direbbe Marco Tullio.
Povia può giusto fare l'opinionista dalla D'Urso per quel che mi riguarda

Antares ha detto...

sempre piaciuti i bronski beat, come anche i franky goes to holliwood