15 dic 2009

15/12/1969: Pinelli Giuseppe volava


Il 15 dicembre 1969 Pinelli Giuseppe volava dal quarto piano della Questura di Milano.
Dimenticato, rimosso, scaduto come il latte rancido, come la carne marcia.
Ricordate le vittime del terrorismo ci ordinano: ma non tutte che è meglio.
Un morto di serie B.
Nemmeno 5 minuti di Porta a Porta.
Nessuna pietà per i poveracci nemmeno se morti innocenti.

6 commenti:

listener ha detto...

lo hanno finito a colpi di dimenticanza

giudaballerino ha detto...

I morti scomodi li uccidono due volte. Prima togliendogli la vita, la seconda facendoli dimenticare...

Absinto ha detto...

Non dimentichiamolo.

angustifolia ha detto...

Dimenticanza pacificata: l'hanno voluto riseppellire con una stretta di mano riconciliante...
"Diamoci la mano, figli della Nazione italiana! Diamoci la mano, fascisti e comunisti, cattolici e socialisti, uomini di tutte le opinioni. Diamoci la mano, e marciamo fianco a fianco per strappare il diritto di essere dei cittadini di un paese civile quale è il nostro".
(Palmiro Togliatti, 1936)
Adesso veramente stacco, anche se l'avevo già detto commentando in altri blog, perchè sto "fumando" troppo!

zefirina ha detto...

grazie

Maurizio Pratelli ha detto...

ci divorai un libro bevendo un buon lolli d'annata